Browser Linux…una distro sempre più mini e “web oriented”

Minima. Non ci sono altre parole per descrivere questa micro distribuzione puramente orientata al web.

Il nome, Browser Linux, è azzeccatissimo: questo Sistema Operativo (derivato da Puppy Linux) ridotto all'osso, anche se espandibile, offre la sola possibilità di navigare, candidandosi ad ulteriore distro per il recupero di trashware. Dopo aver rilevato l'hardware video ed impostato il driver più appropriato, in poco tempo Browser Linux è pronta; sul desktop campeggia l'icona di Firefox o di Chrome (a seconda della versione scelta) e null'altro.

Sullo schermo, in basso al desktop, troviamo, un piccolo pannello longitudinale contenente le poche regolazioni che interessano la rete e l'icona del suono;il desktop di browser linux

il menu al completo è invece accessibile dal clic destro del mouse. Dal menu "more apps, è possibile accedere ad un menu in cui sono presenti una dozzina di altre applicazioni: un pdf reader, una calcolatrice, uno spartano editor di testo, un mediaplayer, un client/server ftp...

I requisiti minimi da ridere, la iso da meno di 100MB fanno pensare di questa distribuzione che davvero se non la provi non ci credi.

Io l'ho testata su un vecchio TravelMate 527TE (Pentium3 850 e 512 MB di RAM), e ne sono rimasto contento: ora ho un muletto per gli ospiti "facebook-addicted" da tenere in salotto.

Di Browser Linux ne esiste anche una versione dedicata all'eeepc ASUS (presto una sezione a riguardo); per installare la quale  da/su pen drive, è necessario  procurarsi la comodissima utility unetbootin.

Altra versione interessante, anche se non leggerissima è MjinPup, che include la suite Libreoffice (il successore di Openoffice), ed occupa 279MB.

Non vi resta che scegliere la vostra versione e metterla alla prova. Attendo i vostri commenti.

Qui si chiude la mini-recensione. Alla prossima!

 

email

Autore: GinoCQ

Web designer freelance.

Condividi su
  • Pier

    Da provare! Scaricata e in testing su Samsung nc10