Ubuntu 12.10 Quantal Quetzal è arrivato

ubuntu quantal quetzalRinnovato, qualche giorno fa il consueto secondo appuntamento annuale che vede l'atteso rilascio di Ubuntu, l'apprezzata distribuzione di Mark Shuttleworth che negli anni ha avvicinato molti utenti al mondo del pinguino, grazie alla sua semplicità di utilizzo e all'aspetto seducente.

Dunque eccoci alla versione 12 10, la cui mascotte è il policromo uccello centroamericano quetzal.

Le novità

Un rilascio, questo di ottobre, che esprime sostanzialmente continuità con gli ultimi in quanto a dotazione software di serie e ambiente desktop.

Poche le novità introdotte al di la dei soliti avanzamenti di revisione "dietro le quinte", che interessano tra gli altri il Kernel 3.5, e l'interprete Python, giunto alla versione 3, ma non il gestore di files Nautilus, impiegato in versione 3.4 a dispetto dell'ultimo rilascio che come sapete, al momento in cui scrivo è il 3.6;

come si nota da subito, anche questa versione di Ubuntu è incentrata su Unity, al quale per questa versione 6.8, sono stati corretti alcuni piccoli bugs ed aggiunte nuove features, come la sezione online accounts  che consente la centralizzazione dei dati dei vari accounts social e non, e l'integrazione di Amazon.com nei risultati di ricerca, unica vera grande novità e fattore di differenziazione con ogni altra versione di Ubuntu e non.

Il coinvolgimento di un partner commerciale all'interno di una distribuzione Linux non ha precedenti e  lascia perplessi, ma fortunatamente è possibile limitarne l'eventuale fastidio, disabilitandone la presenza da un pannello dedicato all'interno delle impostazioni di Sistema.

Le migliorie estetiche introdotte, continuano a battere la strada dello stile "californiano" (leggi "Mac OsX") , ma la cosa non dispiace affatto. E' ora infatti disponibile in varie sezioni la possibilità di visualizzare i contenuti in stile "cover flow".

Intervento tecnico degno di rilievo, la risoluzione di quel problema che in Grub2 rendeva impossibile la "convivenza" con Windows8.

Per la gioia degli insoddisfatti della barra laterale, è sorta una comunità che si occupa di mettere in circolazione una versione detta Gnome Remix, basata su Ubuntu, ma con il caro vecchio DE Gnome(3).

La mia impressione

Per quel che mi riguarda, ho già espresso la mia avversità nei confronti dell'integrazione omnicomprensiva proposta in Unity, che continua ad essere esigente in termini di risorse, un po' confusionaria e meno intuitiva per i neofiti. Prendendo il tutto con il beneficio del dubbio, viene da chiedersi se, a dispetto di tutto, la sopracitata partnership con Amazon.com non possa determinare finalmente l'interesse dei produttori di giochi e/o Suite di produttività professionali  ad aprire finalmente le porte alla terza alternativa: quella del Software Libero.

Lascio a voi le conclusioni.

email

Autore: GinoCQ

Web designer freelance.

Condividi su