Home News Google+: il social network secondo Google

Google+: il social network secondo Google

Preambolo di tutto: abbiamo davvero bisogno di un altro Social Network? Se la vostra risposta è sì o se semplicemente siete curiosi continuate a leggere, se invece la risposta è negativa, tornate sulla vostra bacheca di Facebook (:D).

Tornando seri, Google ha da poco  lanciato una closed beta del suo prossimo servizio votato al social network, con il progetto Google+ (da non confondere con il +1, che è una sorta di porting del “mi piace” del mondo Facebook). Google+ integra diverse funzioni che è possibile sbirciare seguendo il tour (a questo indirizzo). Tale funzioni consistono nell’interagire con amici e files multimediali, lasciando ampio spazio al mondo mobile, che come da tradizione è amico a Big G.

Partiamo da Circles (Cerchie), in pratica dei cerchi relativi a categorie, dove potremo trascinare i nostri contatti. Potremo quindi avere i nostri amici “racchiusi” in categorie inerenti, tipo famiglia, amici di sbronza e nerds, il tutto è drag&drop e molto bello all’occhio. Ogni contenuto che andremo a scrivere potra essere filtrato alle singole “cerchie” o ai singoli contatti.

E’ la volta di Hangout (Videoritrovi), una sorta di multichat (anche video) dove con un click possiamo partecipare a dei faccia-a-faccia (in gruppo).

Instant Upload invece fa fede al nome, e permette di pubblicare “al volo” le foto scattate con il nostro telefonino, condividendole su album privati o nella nostra cerchia di amici.

Sparks (Spunti): è un generatore di interessi, ovvero potrai scegliere cosa ti piace di più (nell’esempio c’è il mondo fashion) e lui ti mostrerà articoli o news inerenti.

Finiamo il tour con Huddle, in poche parole una multichat, ne più ne meno.

Aggiornamento: Per ora Google+ è solo ad invito e siamo riusciti a provarlo (grazie Ubik). A mio parere Google è riuscito a fondere e migliorare Buzz mixandolo con Facebook e facendolo rimanere più semplice possibile (seguendo la tipica linea-guida di Google). Una particolare attenzione alla privacy che risulta molto meglio riuscita rispetto a Facebook, ogni contenuto che andremo ad inserire potrà essere filtrato alle “cerchie” oppure ad un singolo contatto, e potremo inoltre decidere se pubblicare o meno la nostra posizione geografica. La versione mobile è una webapp per il momento, molto ben fatta e snella, come tutte le webapp made in Google d’altronde.

Se volete essere invitati, seguiteci sulla nostra pagina Facebook, a provvederemo ad invitarmi tutti.

Riuscirà questa nuova invenzione di Google a contrastare il dominio di Facebook? Finora i suoi precedenti tentativi (Buzz, Wave e Latitude) non è che siano andati alla grande (qualcuno ha detto flop?)

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime dal Blog

Netflix: ufficiale l’aumento dei prezzi sui piani Standard (HD) e Premium (UHD)

Era un rumors quasi certo, ed è stato alla fine ufficializzato: Netflix ha aumentato i prezzi su due dei tre piani sottoscrivibili. I piani Standard...

Google Maps: ora visibile anche il tachimetro mentre si guida

Da qualche settimana il famoso navigatore made in Google sta (finalmente) implementando delle funzioni prese in prestito dal suo fratellino Waze. Dopo aver visto...

Mounty: ed i dischi NTFS non sono più un tabù su MacOS

Chi possiede un Mac da diversi anni sa bene quanto sia poco intuitivo ed immediato poter scrivere su un disco esterno in formato NTFS. Il...

Tor Browser: la prima versione stabile è disponibile per Android

Tor, per chi non lo conoscesse, è un sistema di reti che permette di navigare nel web restando completamente anonimi e senza essere tracciati...

Share Mouse: controlla più computer usando un solo mouse

Oggi vi parleremo di Share Mouse, software veramente utile che vi permetterà di poter controllare più computer, usando un solo mouse e una sola...