Home Apple Mac OSX: modificare gli attributi di un file

Mac OSX: modificare gli attributi di un file

il logo del finder con degli occhiali scuriA dispetto di quanto accade per Windows e Linux, modificare alcuni attributi dei files, con Mac OSX diventa problematico.

Ebbene sì: chi ha deciso queste limitazioni per il celeberrimo gestore di files del Sistema  Operativo californiano, avrà avuto certamente le sue ragioni, tuttavia fa sorridere che una operazione elementare quale nascondere o rendere visibile un file necessiti di un “giro particolare”…facciamolo insieme.

 

Il logo di PathfinderUna valida e semplice soluzione, è Pathfinder (la trovate qui), piccola applicazione che oltre a rimediare alla summenzionata mancanza, Un menu di Pathfinderè in grado di eseguire altre operazioni e torna utile nel caso in cui abbiate da fare cose da smanettoni (io l’ho conosciuta cercando di installare Lion sul mio Mac mini).

Disponibile per OSX 10.5 (Leopard) e superiori, Pathfinder è un Finder potenziato con a corredo molte opzioni di personalizzazione, scritto in Cocoa.

Si tratta di un software a pagamento (costa 39,95$), ma vi consolerà sapere che il trial non ha limitazioni, se si fa eccezione dei 30 giorni di prova.

trascorsi i 30 giorni, dovrete fare senza, eseguendo qualche passaggio in più. Ecco come.

Per prima cosa, conviene [spoiler show=”impostare il Finder in modo che visualizzi i files nascosti” hide=”nascondi istruzioni”]

digitando nel terminale il seguente comando

defaults write com.apple.Finder AppleShowAllFiles TRUE

e poi riavviando il finder cliccando sul’icona corrispondente col tasto alt premuto e scegliendo l’opzione “riapri”. Da questo momento in poi visualizzerete tutti i files nascosti. Per tornare alla situazione precedente, ripetete i passaggi, sostituendo il “TRUE” con “FALSE” .

[/spoiler]

Aprite il terminale,

[spoiler show=”loggatevi da root ” hide=”ok”](digitando il comando “sudo su” senza virgolette e inserendo la password)[/spoiler]
 e digitate il comando
chflags hidden

seguito dal path del file su cui effettuare la modifica (se non volete digitare il tutto, trascinate il file stesso sulla finestra del terminale);

sostituite “hidden” con “nohidden” per l’operazione inversa.

Il comando chflags è in grado di fare varie altre cose.

Chi lo vorrà,  potrà approfondire l’argomento visitando questa pagina.

Missione compiuta!




Luigi Lacquaniti
Web designer freelance.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime dal Blog

Netflix potrebbe bloccare la condivisione degli account

Uno dei punti più interessanti di Netflix è quello di poter dividere il prezzo dell'account fino a 4 utenti, fattore che sicuramente ha contribuito...

MacOS: come verificare se la propria app installata è 32 o 64 bit

Con l'avvento di Catalina, il nuovo sistema operativo Apple, tra le altre novità ce n'è una che ha frenato gli entusiasmi e le dita...

MacOS: come disattivare l’anteprima dopo lo screenshot

MacOS ha introdotto, su Mojave, una funzione ispirata dalla controparte iOS, ossia la possibilità di poter modificare lo screenshot subito dopo averlo "scattato". Difatti per...

Netflix: ufficiale l’aumento dei prezzi sui piani Standard (HD) e Premium (UHD)

Era un rumors quasi certo, ed è stato alla fine ufficializzato: Netflix ha aumentato i prezzi su due dei tre piani sottoscrivibili. I piani Standard...

Google Maps: ora visibile anche il tachimetro mentre si guida

Da qualche settimana il famoso navigatore made in Google sta (finalmente) implementando delle funzioni prese in prestito dal suo fratellino Waze. Dopo aver visto...