Home Guide Tutorial: come ottenere l'effetto pelliccia con Photoshop

Tutorial: come ottenere l’effetto pelliccia con Photoshop

Avete visto in giro qualche scritta pelouchosa e vi chiedevate come ottenere l’effetto? Benissimo. Oggi parleremo di questo.

Premessa

Per realizzare l’effetto in questione andranno certamente bene le versioni di Photoshop dalla cs4 in poi (questa dell’esempio è la CS6), ma non escludo che si possa ottenere lo stesso risultato seguendo i medesimi passaggi anche con qualche versione più anzianotta.

All’interno di un nuovo documento, collocate su due livelli la texture e la scritta da “impelosire” premurandovi che il livello più in alto sia quello della texture;

La maschera di ritaglio

scritta-pelosa-livelli

Spostandovi  sul livello di testo appena creato, all’interno della palette livellipremete contemporaneamente il tasto command (ctrl se usate Windows) ed il tasto sinistro in corrispondenza dell’iconcina (o della miniatura) accanto al nome del livello: otterrete  una selezione che include tutta l’area del testo.pulsante-maschera-ritaglio

Il prossimo passaggio consiste nel creare una maschera di ritaglio selezionando (sempre dalla palette livelli) il livello della texture, per poi cliccare sul pulsante “crea maschera di ritaglio” posto in basso.

Perfezionare la maschera con un pennello personalizzatopennello-pelo

A questo punto è necessario intervenire sui contorni della maschera di ritaglio, con un pennello adeguato.

Procedete creando un nuovo documento a sfondo trasparente  di forma quadrata da 300 pixel di lato; selezionate lo strumento pennello (B), il preset  ciuffo d’erba ed
un diametro attorno ai 150 px, in modo che la forma ingombri grossomodo un quarto dell’area disponibile; successivamente, con un clic singolo imprimete la sola forma del pennello sull’area di disegno;  duplicando e ruotando il tratto, ottenete una croce e sfocatene i tratti laterali come in figura.

N.B: se il tratto del pennello dovesse risultare eccessivamente complesso, raggiungete le impostazioni  e depennate qualche effetto, in modo da semplificare il tratto.

Pennello pronto: portatevi sulla voce definisci pennello  all’interno del menu modifica, assegnategli un nome e confermate. Il nuovo pennello sarà già menu-pennellodisponibile in coda alla lista dei pennelli disponibili (se cosí non fosse, provate a riavviare il programma); dopo averlo selezionato, portatevi al menu impostazioni e flaggate le voci “dinamica di forma”, “rifletti x” e “rifletti y”, che conferiranno maggiore morbidezza e naturalezza al tratto.

Prima di continuare, aggiungete un livello bianco di sfondo, grazie al quale sarà più facile capire le successive regolazioni.

Fatto ciò, realizzate un tracciato a partire dal livello di testo, servendovi della voce dedicata nel menu contestuale che vi comparirà cliccando su di esso col tasto destro -ancora una volta nella palette livelli e non sull’area di disegno- ; successivamente selezionate la maschera di ritaglio, quindi raggiungete il tracciato all’interno della palette tracciati e scegliete la voce traccia tracciato. Per incrementare la densità di peli, premete il tasto B, e poi invio finché la cosa vi aggrada.

wib-scritta-pelosa

Il risultato dipenderà anche dalla dimensione che avrete impostato per il pennello, quindi se non dovesse piacervi, fate un passo indietro, cambiate diametro e ritracciate.
Adesso è possibile eliminare il tracciato e passare all’aggiunta di ombre ed effetti tramite le opzioni di fusione del livello.

Non resta che esportate il file nel formato che più preferite, quindi portarsi sulla pagina facebook di WebInblack e mettere un bel like!

Luigi Lacquaniti
Web designer freelance.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime dal Blog

Netflix: ufficiale l’aumento dei prezzi sui piani Standard (HD) e Premium (UHD)

Era un rumors quasi certo, ed è stato alla fine ufficializzato: Netflix ha aumentato i prezzi su due dei tre piani sottoscrivibili. I piani Standard...

Google Maps: ora visibile anche il tachimetro mentre si guida

Da qualche settimana il famoso navigatore made in Google sta (finalmente) implementando delle funzioni prese in prestito dal suo fratellino Waze. Dopo aver visto...

Mounty: ed i dischi NTFS non sono più un tabù su MacOS

Chi possiede un Mac da diversi anni sa bene quanto sia poco intuitivo ed immediato poter scrivere su un disco esterno in formato NTFS. Il...

Tor Browser: la prima versione stabile è disponibile per Android

Tor, per chi non lo conoscesse, è un sistema di reti che permette di navigare nel web restando completamente anonimi e senza essere tracciati...

Share Mouse: controlla più computer usando un solo mouse

Oggi vi parleremo di Share Mouse, software veramente utile che vi permetterà di poter controllare più computer, usando un solo mouse e una sola...