Home Guide Gestire le partizioni disco con GParted

Gestire le partizioni disco con GParted

Di recente un lettore ci ha scritto chiedendo come fare per sfoltire il suo disco e il boot menu degli OS non più richiesti.la schermata di gparted

Premesso che non si riferiva alle immagini kernel inutilizzate (ma se vi dovesse interessare, ne abbiamo parlato qui), se anche voi avete questo problema, sappiate che oggi parleremo di come affrontarlo e risolverlo al meglio.

Prima di cominciare, vi consiglio di effettuare un backup dei dati importanti, per scongiurare che una distrazione o un imprevisto possano compromettere oltremisura la situazione.

Fatto ciò,menu che contiene gparted, una volta installato su Ubuntu 11.10 (sessione Gnome classic) forse vi sorprenderà apprendere che (anche stavolta), tutto ciò che vi occorre per cominciare è un livecd di Linux, più precisamente di Ubuntu, il quale è noto per la sua capacità di accedere in scrittura al File System NTFS, (quello di XP/Vista/Seven, per intenderci).

Procurato l'occorrente -vi consiglio la versione 10.04 (la trovate qua)- una volta avviato il computer da livecd, verificate che l'applicazione GParted, quindi installatela se non presente. Potrete fare tutto da Ubuntu Software Center.

Qualora al termine dell'installazione vi fossero difficoltà nel rintracciare il link all'applicazione, aprite il Terminale e digitate "sudo gparted", premete invio, inserite la password, e poi di nuovo invio.

L'interfaccia di GParted, molto chiara e ordinata, è di comprensione immediata; essa consente di visualizzare lo stato e le informazioni relative a dischi e partizioni, e di operare tutte quelle operazioni su di essi, quali eliminazione, ridimensionamento o formattazione.

Sarà possibile scegliere il disco sul quale intervenire (nel caso in cui ve ne fosse più di uno), scegliendolo dal menu in alto a destra, quindi scegliere dalla rappresentazione grafica centrale la partizione prescelta. Ovviamente se non eseguendo il programma da livecd, non sarà possibile intervenire sul disco principale (poichè non "smontabile"), ma solo visualizzarne la struttura.

Selezionate le operazioni da eseguire servendovi del menu contestuale una panoramica dei menu disponibili sulle partizioni cliccando con il tasto destro sulla partizione interessata; al termine confermate il tutto premendo sul pulsante dedicato in alto a sinistra ed attendere il termine delle operazioni richieste (vi verrà mostrata una barra di avanzamento "antipanico"). In quest'ultima fase, a seconda della complessità delle operazioni, ci vorrà un po' di tempo e pazienza (non inclusi nel livecd...).

Prima di chiudere vi ricordo che per risolvere il problema delle "voci morte" all'inteno del menu d'avvio

(GRUB),  vi basterà consultare quest'altro articolo.

 

A questo punto credo che sia tutto.

Alla prossima!

 

 

Luigi Lacquaniti
Web designer freelance.

Ultime dal Blog

Google al lavoro sulla digitalizzazione dei documenti di identità

Spulciando le API le IdentityCredential API, pubblicate da Google, pare che il colosso di Mountain View abbia intenzione di digitalizzare i documenti di identità,...

Negli aeroporti di Miami si vola con il riconoscimento facciale

Dimenticate carte di imbarco, passaporti e foglietti vari, o meglio, iniziate a prepararvi all'idea. E' da poco partita, in fase sperimentale nell'aeroporto di Miami,...

Come aggiornare manualmente phpMyAdmin su Debian/Ubuntu

Dall'avvento di PHP 7.2 (ora siamo alla versione 7.3.1), molti web software hanno un po' dato i numeri dovute alle grandi differenze nel codice...

Rimuovi automaticamente lo sfondo dalle tue foto, con Remove.bg

Tante volte ci siamo cimentarti, chi più chi meno, nella fatidica rimozione dello sfondo da qualche foto usando Gimp, Photoshop o software affini. Diciamocelo,...

Aggiornamento per Facebook Messenger Lite: sì all’invio di video e altro

Facebook ha finalmente rilasciato un aggiornamento per la sua versione Lite di Messenger, app alternativa che permette di chiacchierare coi propri contatti Facebook,...