Blisk: il browser amico degli sviluppatori

Il panorama dei tool da affiancare alla vita degli sviluppatori / designer, è già abbastanza ricco, e non ci dilunghiamo (per ora) a consigliare i vari tools necessari ad una miglior vita da coder, oggi però vi parleremo non di un tool, ma di Blink, un browser che di certo faciliterà non di poco la vita agli smanettoni.

 

screen-shot-2016-10-09-at-6-38-05-pm

Blisk è un browser molto leggero e senza particolari fronzoli e impostazioni varie, il suo punto forte è quello di avere funzioni importanti, al posto giusto. Mi riferisco al suo punto forte, quello di avere una lista di dispositivi mobili (da iPhone 4, fino ai tablet più blasonati) che in tempo reale ci faranno vedere il render della pagina (anche in modalità landscape), di fianco alla versione desktop. In questo modo potremo vedere un "mirror" della pagina che stiamo visitando, ed intervenire su eventuali errori/correzioni, esse siano CSS o altro.

screen-shot-2016-10-09-at-6-43-39-pm

Dietro il cofano, c'è sempre webkit e quindi potremo portarci dietro le nostre estensioni, ed avere l'interfaccia amica che ci ha abituato finora.

screen-shot-2016-10-09-at-7-44-41-pm

Tra le altre opzioni attualmente disponibili, c'è quella dell'auto-aggiornamento della pagina (abbastanza auto esplicativa), la sincronizzazione dello scrolling, ossia se scrolliamo nella vista "desktop", la pagina seguirà lo scrolling anche nella visuale mobile.

Le altre funzioni che per ora non sono attive, sono quelle dell'auto cattura degli screenshot, che potranno essere anche settati a intervalli regolari e potranno permettere anche l'annotazione, allegare bug-reports o allegare bug reports. Altra funzione interessante, prevista per il futuro, è  Analytics, dove si attiverà un vero e proprio monitor delle prestazioni e di eventuali errori (CSS, JS etc..).

screen-shot-2016-10-09-at-7-46-14-pm

Blisk è sicuro un progetto interessante, con un'ottima base già in partenza. Ottima la scelta di rimanere minimalista, seguendo così la ben amata UI dei vari Chrome/Safari e creando un ambiente familiare tra i casual e gli hardcore developers. Dimenticavo, il tutto è gratis, ed è scaricabile dal sito ufficiale, a questa pagina.

Autore: Simone Tambasco

Geek inside (pure troppo)

Condividi su