Da Gnome a Xfce e ritorno: cambiare ambiente desktop su Ubuntu

ubuntu-logoRecentemente, non avendo a portata di mano il CD di Ubuntu, dopo aver installato Xubuntu su un notebook, cercavo una soluzione per convertire questa nell'altra distribuzione, dopo una breve e svogliata ricerca, con mia sorpresa, ecco che ho scoperto che la soluzione c'è ed è abbastanza semplice.

Come è evidente sin dal primo approccio, la principale differenza tra Xubuntu e Ubuntu consiste nel DE (Desktop Environment) che nel primo è  XFCE, più leggero e performante, nel secondo Gnome, esteticamente più curato e con qualche funzione in più.

A dispetto dei sistemi operativi commerciali, Linux offre all'utente vari Ambienti Desktop, lasciando all'utente la possibilità di scegliere quello che preferisce, nel caso in cui il predefinito non incontri il suo favore, magari per peso o colpo d'occhio.

Il DE, è l'interfaccia grafica (0 GUI) del Sistema Operativo, ovvero lo strato più esterno, fatto di finestre, menu e pulsanti che consentono di interagire con il proprio ambiente di lavoro.

Andiamo al  dunque. Portiamoci nel terminale(applicazioni->accessori->terminale oppure <ctrl> <alt> <t>) e scarichiamo il nostro DE preferito via apt.

Gnome

sudo apt-get install xorg gnome-core

Xfce

sudo apt-get install xubuntu-desktop

KDE
sudo apt-get install kde-full
per la versione completa;

sudo apt-get install kde-minimal

per una versione minimale

sudo apt-get install kubuntu-desktop
per KDE, configurato come in Kubuntu.

In realtà ci sarebbe molto altro...ma per oggi va bene così.

I DE saranno tutti disponibili alla schermata di login sotto il menu "sessione", consentendovi di saggiare le differenti prestazioni del vostro sistema e di giudicarne la reattività / bellezza in tempo reale.

Questo è quanto.

Buon DE a tutti.

P.S.

Non temete, se digitando la password non vengono visualizzati caratteri di alcun tipo: è del tutto normale. Fate attenzione a cosa digitate e quando finito premete invio.

email

Autore: GinoCQ

Web designer freelance.

Condividi su