Home Linux Linux: il cucciolo incontra Slackware e diventa Slacko Puppy (v 5.3)

Linux: il cucciolo incontra Slackware e diventa Slacko Puppy (v 5.3)

Dopo aver parlato di Puppy Linux e della versione Lucid Puppit, esaltandone la leggerezza e funzionalità, eravamo in attesa di un nuovo rilascio. Ebbene eccociPuppy_Linux_Slacko all’atteso momento, il quale celebra tra le altre cose un singolare quanto promettente connubio. Quest’ultima Puppy, è un incrocio con la tanto acclamata Slackware. Vi offro le mie impressioni a riguardo. Ecco a voi Slacko Puppy .

All’avvio troviamo le medesime opzioni d i sempre avvio delle precedenti (come l’esecuzione in RAM, per dirne una) e una volta lanciata,il desktop di Slacko Puppy gli unici parametri richiesti sono quelli relativi al server grafico (XVESA/XORG), ed alla risoluzione dello schermo; fatto ciò si è operativi. A Sistema avviato, sullo sfondo del desktop campeggia una immagine alla “Dark Side of the Moon“, e su di esso trovano posto, spartane, le icone. In questa distribuzione, lo dovreste ormai sapere non si bada ai fronzoli, a farla da padrona è la velocità.

La dotazione software di base comprende il browser SeaMonkey (e le sue derivazioni: client di posta ed editor HTML), i player multimediali mPlayer e Pmusic, ma anche il convertitore video Ffmpeg (corredato di GUI), il client per i torrent Transmission, un collegamento a Meebo (web messenger multiprotocollo) anzichè un client IM (tipo Ayttm o Pidgin), ma anche un client IRC, il word processor AbiWord, un programma di lettura di DVD, uno per masterizzare, un client ftp, un convertitore pdf… ed altro ancora, in un ingombro di 124 MB e per dei requisiti tra il trashware e il retrocomputing. Tutto quello che manca, potrete sempre installarlo tramite il servizio di recupero pacchetti “Puppy Package Manager” il quale ora, dato il sopracitato connubio, andrà a pescare tra pacchetti PET e Slackware.

Non molte le grandi novità, ma c’era da aspettarselo: difficile migliorare un prodotto così ben fatto.

Il solito vecchio Puppy, insomma, ma riveduto e corretto (soprattutto per quanto attiene ad alcuni bugs).

Un piccolo grande Sistema Operativo.

Come di consueto, anche stavolta vi invito a farvene un’idea di persona (trovate la iso qui).

Luigi Lacquaniti
Web designer freelance.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime dal Blog

MacOS: come disattivare l’anteprima dopo lo screenshot

MacOS ha introdotto, su Mojave, una funzione ispirata dalla controparte iOS, ossia la possibilità di poter modificare lo screenshot subito dopo averlo "scattato". Difatti per...

Netflix: ufficiale l’aumento dei prezzi sui piani Standard (HD) e Premium (UHD)

Era un rumors quasi certo, ed è stato alla fine ufficializzato: Netflix ha aumentato i prezzi su due dei tre piani sottoscrivibili. I piani Standard...

Google Maps: ora visibile anche il tachimetro mentre si guida

Da qualche settimana il famoso navigatore made in Google sta (finalmente) implementando delle funzioni prese in prestito dal suo fratellino Waze. Dopo aver visto...

Mounty: ed i dischi NTFS non sono più un tabù su MacOS

Chi possiede un Mac da diversi anni sa bene quanto sia poco intuitivo ed immediato poter scrivere su un disco esterno in formato NTFS. Il...

Tor Browser: la prima versione stabile è disponibile per Android

Tor, per chi non lo conoscesse, è un sistema di reti che permette di navigare nel web restando completamente anonimi e senza essere tracciati...