Home Linux Ubuntu 13.04 Raring Ringtail

Ubuntu 13.04 Raring Ringtail

raring-ringtail_logoL’appuntamento primaverile con fortunata distribuzione di Mark Shuttleworth  è rinnovato anche stavolta.

Il colorato queztal passa il testimone al lemure dalla coda arricciata (raring ringtail);

per gli affezionati degli altri DE, anche stavolta sono disponibili le solite varianti con LXDE, XFCE, KDE, Gnome, ma per il rilascio ufficiale, Unity (alla versione 7.0)è da considerarsi assunto a tempo indeterminato (anzi, ha fatto anche tendenza e se vedrete Gnome3, capirete…).

Basata su Kernel 3.8, presenta tutta una serie di ottimizzazioni “dietro le quinte” che rendono la distribuzione finalmente fruibile anche dalle macchine meno recenti.

Esteticamente sempre elegante e pulita, l’interfaccia grafica non presenta particolari degni di nota o elementi di rottura con le precedenti versioni; a cambiare, la schermata di spegnimento e pochissime altre cose; è tutto generalmente più fluido e si sono ridotti i lag che accompagnavano il tanto discusso Unity nelle anteprime dei files (per dirne una) e nelle altre funzionalità introdotte come l’invio di e-mail bypassando l’apertura del client di posta per dirne una. Come già da qualche versione, potrete farvi un’idea del tutto, visualizzando il tour a questa pagina.

Esce di scena Wubi, il software che consentiva l’installazione all’interno di Windows, con gran dispiacere di una decina di persone sul globo;

Viene introdotto un collegamento alla fortunata piattaforma per gamers Steam, che negli anni ha progressivamente rimpinguato la sua sezione dedicata ai giochi per Linux.

Come è noto, per la prima versione ufficialmente supportata bisognerà ancora attendere (14.04), ma già circolano versioni adattate e tutorial per installare Ubuntu su tablet e dispositivi mobili al posto di Android (Ubuntu touch).

Dunque questa nuova Ubuntu è più bella e veloce della precedente e Unity sta trovando il suo perchè tra gli utenti.

La trovate sul sito italiano o su quello ufficiale(in inglese) o sul solito distrowatch.com.

Luigi Lacquaniti
Web designer freelance.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime dal Blog

MacOS: come verificare se la propria app installata è 32 o 64 bit

Con l'avvento di Catalina, il nuovo sistema operativo Apple, tra le altre novità ce n'è una che ha frenato gli entusiasmi e le dita...

MacOS: come disattivare l’anteprima dopo lo screenshot

MacOS ha introdotto, su Mojave, una funzione ispirata dalla controparte iOS, ossia la possibilità di poter modificare lo screenshot subito dopo averlo "scattato". Difatti per...

Netflix: ufficiale l’aumento dei prezzi sui piani Standard (HD) e Premium (UHD)

Era un rumors quasi certo, ed è stato alla fine ufficializzato: Netflix ha aumentato i prezzi su due dei tre piani sottoscrivibili. I piani Standard...

Google Maps: ora visibile anche il tachimetro mentre si guida

Da qualche settimana il famoso navigatore made in Google sta (finalmente) implementando delle funzioni prese in prestito dal suo fratellino Waze. Dopo aver visto...

Mounty: ed i dischi NTFS non sono più un tabù su MacOS

Chi possiede un Mac da diversi anni sa bene quanto sia poco intuitivo ed immediato poter scrivere su un disco esterno in formato NTFS. Il...